30 dicembre 2014

La solita caccia alle streghe virtuali (GTA V il male)

Ci siamo cascati un'altra volta purtroppo. La signora Sabrina Salvadori, pediatra e che scrive sul Corriere, ha postato un articolo tra il delirante e il fazioso per scagliarsi ancora una volta contro la violenza dei videogiochi. Trovo che sia un caso lampante di disinformazione o ancor peggio di completa ignoranza, oltretutto proveniente da una professionista che dovrebbe avere un minimo di cognizione su tali tematiche.


Non voglio filosofeggiare sulla morale e sull'arte contenuta in un videogioco, ma vorrei far notare che la copertina di GTA V sia in realtà piuttosto esplicita nei contenuti e nelle informazioni. Se una madre regala questo titolo al figlio di 11 anni, indossando un bel paraocchi e senza voler capire un beneamato **BIP**, beh la colpa non sarà del gioco...

Indovini cara signora Sabrina che cosa rappresenta quel 18 in basso a sinistra? Do un suggerimento in forma del tutto gratuita: ha a che fare con l'età dei possibili fruitori dei contenuti.


Se poi vogliamo dare un giudizio di merito, mi sembra alquanto anacronistico che si accostino videogiochi e violenza, più o meno siamo sullo stesso piano che giudica un satanista chi ascolta la musica metal.

Dai davvero, basta con questi luoghi comuni, magari informarsi un po' meglio prima di sputare sentenze (oltretutto non richieste)?

Il finale dell'articolo è poi davvero esilarante ed in pieno stile "lei non sa chi sono io". La segnalazione fatta al deputato amica della signora Sabrina, sempre peggio... Ma non credetemi sulla parola e leggetevi l'articolo e fatevi un'idea sulla pochezza espressa.

22 dicembre 2014

L'auto del futuro

Se penso a qualcosa che cambierà per sempre il nostro approccio alle auto, con dei veicoli intelligenti ed in grado di portarci a spasso senza rischi, penso subito a KITT, che da bambini tutti sognavamo un giorno di poter guidare.



Ma da qualche tempo mi tormenta un incubo made in Google, che l'auto del futuro la vede un po' diversa.


Ma nooooo Google, il concept è di un topo a ricarica come quello dei miei gatti.

I miei sogni di bambino hanno subito un drastico ridimensionamento.

10 dicembre 2014

Possiamo estinguerci

Qualche giorno il personale di Youtube è stato costretto a cambiare il contatore di visualizzazioni dei video, passando da 32 a 64 bit. Infatti il max_int di 2.147.483.647 del 32 bit, non era più in grado di gestire l'incremento di visite per un video online dal luglio del 2012.

Perfetto, evidentemente il successo del video in questione era tale da costringere questo upgrade tecnico. Ma di che video si tratta?

Provo a buttarla: il discorso del reverendo King, quello del famoso del "I have a dream".


Oppure il discorso di Mandela a Pretoria, simbolo della fine dell'apartheid, la famosa scarpa Krusciov sbattuta sul banco della nazioni unite, lo sbarco sulla Luna, l'omicidio Kennedy, lo sgancio della bomba su Hiroshima, l'abbattimento del muro di Berlino.... Cosaaaaaaaaaaa?



Acqua, siamo molto lontani.


Vabbé dai il famoso filmato dell'uomo che ferma il carro armato durante gli scontri di Tienanmen.



Non ci siamo ancora, un aiutino sul genere: musica.

Ah ok, musica, wooow non pensavo, allora direi che si tratta di qualcosa di solenne e maestoso impresso a fuoco nelle menti. Potrebbe essere Imagine di John Lennon?


Oppure Starway to Heaven dei Led Zeppelin?

 


No, sbagliato, si tratta dello Gangnam Style di PSY.


La razza umana deve estinguersi, non vedo altra soluzione...

Tondo è bello...

Tondo è bello...